I testimoni

 

 

Chiara Luce Badano

(Sassello, 29 ottobre 1971 -  Sassello, 7 ottobre 1990)ChiaraBadano

Chiara nasce a Sassello, paesino dell’entroterra ligure in provincia di Savona il 29 ottobre 1971 dopo 11 anni di attesa da parte dei genitori. Bambina, poi adolescente e giovane come tante altre, si mostra totalmente disponibile al disegno di Dio su di lei. Tre realtà si dimostrano determinanti nella sua formazione e nel suo cammino verso la santità: la famiglia, la chiesa locale e il Movimento dei Focolari ai quali parteciperà a partire dai 9 anni.  All’età di 17 anni, nel corso di una partita a tennis, un lancinante dolore alla spalla sinistra costringe chiara a lasciar cadere a terra la racchetta. La TAC, evidenzia un osteosarcoma.

Nonostante la malattia, continua a seguire le attività dei focolarini: dona tutti i suoi risparmi ad un amico in partenza per una missione nel Benin e compie piccoli lavoretti da mettere in vendita per beneficenza. Trascorre gli ultimi mesi a letto nella sua casa di Sassello insieme ai genitori, rimanendo in contatto con il movimento focolarino tramite il telefono e continuando a studiare con lezioni private. Nell'agosto del 1990 Chiara prepara nei minimi dettagli il suo funerale considerandolo una sorta di festa di nozze. Il 10 settembre manda un saluto a tutti i membri della comunità focolarina, registrando un'audiocassetta, e negli ultimi giorni di vita invia un biglietto agli amici di Sassello.

Chiara muore la mattina del 7 ottobre 1990, dopo una notte particolarmente sofferta; prima di morire aveva chiesto a sua madre di farle indossare un abito bianco da sposa, per andare incontro al suo "sposo" Gesù. Donate le cornee - l'unico organo non danneggiato dalla malattia e dalla chemioterapia - la salma venne posta in un loculo della Cappella di Famiglia nel Camposanto di Sassello. Le offerte raccolte in occasione del suo funerale vengono devolute alle missioni in Africa, dimostrando fino alla fine la salda volontà di avere a cuore il prossimo.

 

Badano_Tot_web

 

”Continua...”